Malattie dell’orto. Combattere i virus è possibile con una buona prevenzione

Orto, coltivare l’orto, infezioni virali, ortaggi virus, malattie ortaggi, zucchini, macerati, infusi, ortica, equiseto, aglio

E se fosse proprio un virus? Come è noto, non esistono rimedi:e una volta che il virus dannoso si è installato nelle fibre dei nostri ortaggi, non c’è più modo di impedire che la pianta cessi di produrre e muoia. Tuttavia, è possibile operare a monte, tenendolo lontano dalle piante. Il metodo c’è.

Sono noti diversi tipi di virus che aggrediscono le zucchine. In Italia le virosi più diffuse sono il  CMV (Cucumber Mosaic Virus  – Virus del Mosaico del Cetriolo), il WMV (Watermelon   Mosaic Virus – Virus del Mosaico dell’Anguria)   e  lo ZYMV (Zucchini Yellow Mosaic Virus – Virus del Mosaico   Giallo dello Zucchino), senza dimenticare l’ultimo aggiunto cioè il   il MWMV (Moroccan Watermelon   Mosaic Virus).

Tutti questi virus hanno in comune la proprietà di essere diffusi dagli insetti che frequentano le nostre piante, in particolare dagli afidi. In alcune colture industriali biologiche, specialmente in Liguria, si è tentato di prevenire le infezioni virali tenendo gli afidi lontani dalle coltivazioni, per esempio coprendole con tessuto non tessuto.

A livello di ricerca si sta cercando di individuare ceppi virali che, inoculati nelle piante, siano in grado di contrastare i virus dannosi.

L’ortica è una delle armi più efficaci per la lotta biologica contro gli afidi
 

Considerando che i nostri orti sono assai lontani da queste possibilità, non dobbiamo dimenticare che, invece, siamo abilissimi nella lotta biologica contro gli afidi. Questa nostra abilità è spesso coronata da successo perché i nostri orti consistono di poche piante, sulle quali possiamo concentrare i nostri sforzi.

Occorre anche dire che molto spesso, per quanto riguarda gli zucchini,  insistiamo con i trattamenti a base di zolfo o zolfo ramato per prevenire l’oidio che è visibilissimo, e trascuriamo i trattamenti antiparassitari perché gli afidi non creano grosse concentrazioni o colonie visibili sulle piante di zucchini.

Quindi, mentre ci proponiamo di non trascurare i trattamenti antiparassitari biologici sulle nostre piante di zucchini e cucurbitacee in genere, vogliamo ricordare brevemente quali sono questi trattamenti. Sono essenzialmente irrorazioni di preparati liquidi, fatti sulle piante con spruzzatori manuali. I preparati si ottengono tutti con elementi naturali sottoposti a due procedimenti diversi, per cui prendono il nome di macerati o di infusi.

Dopo aver fatto macerare l’ortica per un paio di giorni, la si può filtrare per poi spruzzarla sulle piante
 

I macerati

I macerati si ottengono lasciando macerare in acqua semplice, per qualche giorno, delle essenze vegetali, tra le quali la più rappresentativa è sicuramente l’ortica, sia per la sua efficacia sia per la facilità di reperire questa pianta lungo i confini dei nostri orti o anche tra le aiuole, se siamo così intelligenti da non estirparla tutta.

Un’altra essenza efficace è l’equiseto, più comunemente detto Coda di cavallo, che cresce solitamente vicino ai corsi d’acqua o sulle sponde di piccoli laghi.

Ci sono poi molte altre essenze che possono essere utilizzate in questo modo come per esempio la menta, la ruta, il basilico, il prezzemolo, la mentuccia.

Anche le cimici sono vettori di virus dannosi per le piante, che vengono trasmessi con  le loro punture
 

La ricetta dei macerati

In un secchio con 8-10 litri d’acqua immergere una quantità di essenza fresca pari a 500-1000 grammi. Spingete tutto sott’acqua e lasciate macerare per due giorni almeno. Periodi più lunghi servono solo ad aumentare il cattivo odore e non  garantiscono maggiore efficacia.

Dopo due giorni completi filtrate il liquido in modo da poterlo mettere in uno spruzzatore senza che i fori vengano otturati; potete usare anche gli spruzzatori che contenevano prodotti per la casa, ben lavati.

Se dovete irrorare piantine ancora piccole diluite il preparato in questo modo: 25% di preparato, 75 % di acqua. Diminuite la diluizione per piantine più cresciute. Per piante ormai grandi fate una diluizione al 50%.

La diluizione è una norma prudenziale e  deriva dal fatto che il preparato può contenere azoto troppo concentrato, che potrebbe danneggiare le piantine.

Gli infusi si preparano rapidamente con acqua bollente e essenze come l’aglio o il peperoncino
 

Gli infusi

Gli infusi si ottengono rapidamente versando un litro  di acqua bollente su  3 spicchji di aglio, oppure 2-4 peperoncini secondo la grandezza, oppure due sigarette o quantità equivalente di tabacco. Nel caso dell’aglio schiacciatelo prima, nel caso del peperoncino sminuzzatelo.

Quando l’infuso è freddo può essere spruzzato sulle piante. Anche in questo caso, come norma prudenziale per evitare effetti troppo violenti, consiglio una diluizione come già detto per i macerati.

Con il tabacco si prepara un ottimo infuso anti-cimice
 

Il sapone di Marsiglia

Alcuni usano preparare un composto da spruzzare sciogliendo semplicemente 30 grammi di scaglie di sapone di Marsiglia in un litro di acqua. Questo preparato è efficace in quanto è appiccicoso.

Per quanto riguarda i preparati vegetali già descritti, sia i macerati che gli infusi, consiglio sempre di aggiungere per ogni litro un cucchiaio di scaglie di sapone di Marsiglia o anche un cucchiaio di detersivo liquido domestico per stoviglie. L’effetto di questa aggiunta è di aumentare la tensioattività del preparato, cioè rendere possibile una aderenza molto superiore alle foglie su cui viene spruzzato. Questo risulta molto utile specialmente per le piante a foglie cerose, come per esempio i cavoli.

Anche il peperoncino è alla base della preparazione di molti infusi anti-afidi
 

Che fare con il preparato che avanza

Il preparato che avanza dopo poco tempo comincerà ad emanare un puzzo tremendo, per cui è sconsigliabile conservarlo per usi futuri: se necessario si potrà prepararne di fresco. Tuttavia la parte avanzata non va gettata, perché è un fertilizzante prezioso. Quindi potete distribuirlo alla base delle vostre piante, evitando di metterlo tutto addosso a una pianta sola. Per questa operazione sono preferite le verdure a foglia (insalate, ecc).

L’ortica è efficace anche essiccata. Si può raccogliere nei periodi di maggiore abbondanza lasciandola essiccare al sole, e conservandola poi in sacchetti di tela. La quantità da usare va rapportata al peso da verde
 

Quando ripetere il trattamento

Il trattamento si può fare anche continuativamente sulle piante, ripetendolo ogni settimana; nel caso fosse necessario si può ripetere anche ogni due o tre giorni perché non ha effetti dannosi sulle piante, anzi ha un effetto blandamente fertilizzante. Naturalmente non bisogna esagerare nella concentrazione. Tenete conto che gli afidi irrorati non stramazzano subito al suolo ma restano al loro posto apparentemente indifferenti: solo dopo due o tre giorni noterete che non ci sono più.

L’equiseto o Coda di cavallo cresce nei luoghi umidi ed è efficace come l’ortica
 

Quali piante trattare

Si possono trattare praticamente tutte le piante da orto, anche le insalate che poi però dovranno essere ben lavate. Non occorre versare litri di preparato sulle piante, con uno spruzzatore molto fine capace di nebulizzare il getto non occorre insistere più di mezzo secondo su un’area, cioè l’irrorazione va fatta muovendo continuamente il getto verso le zone successive, senza soffermarsi.

Le piante si possono irrorare in ogni fase della loro crescita, anche a pianta fiorita: in questo caso però bisogna avere l’accortezza di non irrorare i fiori.

Il peperoncino si conferma pianta dai mille usi
 

Vedi anche questi articoli:
Combattere gli afidi con infuso di aglio
Usare l’ortica
L’acqua clorata dell’acquedotto danneggia le piante?
LA DORIFERA, BELLA E PERFIDA

Topi in giardino e nell’orto: un rimedio ecologico 

Vorresti coltivare un orto, ma non sai come cominciare?

Ricevi molti consigli ma non sai quali siano quelli giusti?
Sei affascinato dalla possibilità di arricchire la tua tavola con cibi genuini?
Sapevi che ci sono più di cento tipi di ortaggi?
E’ possibile avere ortaggi freschi tutto l’anno?
Come seminare, trapiantare, concimare, innaffiare?
Vuoi avere indicazioni chiare sul metodo migliore per fare un orto?
Sapevi che puoi fare un orto in un piccolo spazio sul tuo balcone?
Sapevi che si possono coltivare ortaggi in vaso?
Vorresti diventare un esperto nella coltivazione dell’orto?
Vorresti iniziare un hobby che non ti costi, ma rappresenti un vantaggio per la tua economia domestica? 

Tutto questo a molto di più lo puoi trovare nei libri di Bruno Del Medico
Scrittura semplice, trattazione elementare
Consigli, trucchi, segreti per ottenere il massimo dal tuo orto
Come aiutare il tuo bilancio familiare in modo concreto

I libri di Bruno Del Medico (autore di questo blog)
li trovi QUI
con SCONTI FINO AL 30% E OMAGGI

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

3200 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
3600 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!
Malattie dell’orto. Combattere i virus è possibile con una buona prevenzioneultima modifica: 2012-08-06T16:46:00+02:00da coltivarelorto
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Malattie dell’orto. Combattere i virus è possibile con una buona prevenzione

I commenti sono chiusi.